mercoledì 21 novembre 2007

Re-Vision...Shining


Ieri sera ho ri-visto Shining. Ormai ho perso il conto di quante volte ho visto questo film. E' il film di Kubrick che preferisco, semplice e diretto ma ricco di sfumature e di profondità. L'ho visto al cinema in occasione della rassegna dedicata a Kubrick che in questo periodo si sta svolgendo al Palazzo delle Esposizioni a Roma.
Che dire. Il film non perde smalto, ad ogni visione si arricchisce, poi la visione su grande schermo per la prima volta lo rende un'occasione da ricordare. Poi ero con Fra e tutto era ancora più bello, perché condividere con lei uno dei film che preferisco in assoluto è stato importante per me che ho un rapporto passionale con il cinema.
Questa ulteriore visione mi ha permesso ancora una volta di gustarmi i movimenti di macchina di Kubrick, le sue inquadrature ordinate e geometriche. Il labirinto della regia. Questo è quello che mi rimane più impresso di Shining: un film ordinato e geometrico che contiene il caos, la follia, l'irrazionale. Non penso ci fosse un modo migliore di rappresentare tutto questo se non attraverso la struttura del labirinto che è ricorrente in tutto il film.

P.S. Mi sono accorto solo ieri che la macchina schiacciata nell'incidente che incontra il cuoco Halloran nella bufera quando sta andando all'Overlook Hotel è un Maggiolone, come la macchina di Jack Torrance. Sarà un caso?

4 commenti:

Francesca ha detto...

he!per te la prima al cinema, per me la prima in assoluto!
quel bimbetto è stato davvero bravo!
diciamo che dopo aver corso il rischio SPARTACUS la tensione si è un pò allentata, ma con i titoli di testa è risalita in un attimo! :)
bello, cmq! e da rivedere!

Vale ha detto...

Da appassionata di Stephen King, considero Shining uno dei suoi maggiori capolavori.
Il film è bello...ma il libro è un'altra cosa. E' anche il primo che ho letto del "Re", forse per questo sono così affezionata...
Il film non sono mai riuscita a vederlo per intero..alla scena della vasca da bagno scappo sempre via! :-)

Francesca ha detto...

io mi sono limitata a stritolare la mano a davi... stando al centro della fila centrale, scappare era un pò complesso... ma se stavo laterale... chissà! ;)

Massimo Manuel ha detto...

Ah, che capolavoro! =)
Sono stato a Roma in occasione del Festival e non ho perso l'occasione per andare a vedere la mostra a Palazzo delle Esposizioni. Bellissima, da consigliare!