martedì 25 settembre 2007

Quando il web 2.0 divora se stesso.

Anche io sono caduto nella rete del web 2.0. Ho aperto un blog, ho attivato un account su flickr, ho una casella di posta dedicata alle newsletter inutili e alle password dei mille account aperti.

E' come una droga, sopratutto se lavori con un pc in ufficio e molte volte il lavoro è alienante. Il web diventa una via fuga, sempre davanti al pc ma da un'altra parte. L'importante è staccare quando si è fuori dall'ufficio, altrimenti sei fritto.
La corsa ad essere presenti sul web, di mostrarsi, di scrivere, di socializzare in alcuni casi crea nel web stesso delle espressioni interessanti di questo fenomeno.

Uno degli esempi in cui sono inciampato per caso è il blog dei blog abbandonati, una vetrina di necrologi del web. Centinaia di blog interrotti, come è normale che prima o poi accada per diversi motivi. Chi apre un blog, infatti, prima o poi:
a) apre un nuovo blog
b) non ha più niente da scrivere
c) eventi di vario genere lo costringono ad abbandonarlo

Dopotutto il blog è forse per sua natura temporaneo, frutto delle passioni del momento. Il frutto effimero di web-individualità sempre in movimento. Bè speriamo che il mio neonato blog non faccia la stessa fine. Ma probabilmente la farà. Vedremo.

L'altro esempio, a metà strada tra la genialità internettiana e la psicosi da web 2.0 è Useless Account dove si può aprire un account inutile. Entri, ti registri e hai un account che non serve a nulla. Il servizio si è esaurisce nell'apertura dell'account. Dopotutto oggi se non hai almeno un account non sei nessuno, quindi perché non crearne di inutili. Trovo Useless Account un modo eccezionale per svelare il meccanismo perverso di una delle dinamiche più diffuse nella rete.

5 commenti:

Francesca ha detto...

mmm, sì...
quindi io sarei una schiava del 2.0?? hehehe!!!
trovo i blog lo strumento di espressione più democratico che ci sia al momento. Apri un blog e puoi sparare stupidaggini su tutto e su tutti senza dover essere diplomatico o politicamente corretto!
mi piace per questo!
baci

David ha detto...

questo lo penso anche io, forse è questo il motivo per cui l'ho aperto, anche se nessuno lo legge alla fine esterni per te stesso.
david

roberto f. ha detto...

ecco un altro che farà liste civiche con i suoi bollini.....

Anonimo ha detto...

ti salvero' commenta medium628 ciao......

Anonimo ha detto...

eheheh
Mi ti immagino prorpio a distribuire bollilni!!!! eslcudendo blu e rossi... di che colore li farai????

C'è solo una cosa che nel mio caso batte le tue osservazioni, la mia profondissima pigrizia! Talmente profonda che mi fa scegliere "anonimo" per non dover riempire altri campi!
lo so, è assurdo...
Ma confido che riuscirai a risalire alla mia indentità! :-)