mercoledì 5 dicembre 2007

Tra una birra e i Pink Floyd

Ieri sera ero al pub con Giovanni di fronte ad un ottima birra rossa doppio malto. Eravamo come al solito immersi nelle nostre chiacchere surreali...tra il Pranzo è servito, Passepartout e la musica. In sottofondo c'era il concerto Live 8 che veniva proiettato nel disinteresse generale: Mariah Carey, Robbie Williams, Who e tanti altri nomi. Solo quando sono apparsi i Pink Floyd hanno catalizzato l'attenzione di tutto il pub e anche la nostra. La platea del pub era abbastanza eterogenea e mi ha fatto pensare a come i Pink Floyd riescono ancora a suscitare un'interesse trasversale. Tutte le generazioni prima o poi s'innamorano dei Pink Floyd, tutti li cantano prima o poi. Prescindendo da ogni valutazione musicale, riescono a catalizzare sempre l'attenzione, sono senza tempo. Ieri sera ne ho avuto la prova. Quasi tutti avevano voltato la testa verso il concerto proiettato e quasi tutti cantavano, anche solo muovendo le labbra, Money o Wish you were here. E' una riflessione così la mia che mi ha fatto venire di nuovo il desiderio di immergermi nel loro mondo musicale, sopratutto in The Dark Side of Moon, sempre alla ricerca di qualcosa.

3 commenti:

Francesca ha detto...

immergenti nel loro mondo musicale vuol dire ricaricare il tuo silver-pod di musica nuova?? ;)

già immagino le vostre chiacchiere ieri sera... :)
ma qui ancora non si è parlato del 18 giungno...
io sento già i trtrtrtrtrtrtrtrtrtr a termini...
;)
baci

David ha detto...

tempo al tempo cara mia...
david

Anonimo ha detto...

Io prima di pranzo ho riascoltato Whish you were here (album)
ehehehehehehe...
Poi sicuramente toccherà anche a TDSOTM ma lo conosco così a memoria che l'altro ha avuto la precedenza!

Ciauuuuuuuuuuu